Le coliche dei neonati

Coliche-NeonatoCirca il 10 % dei neonati soffre di coliche nei primi mesi di vita, durano per circa tre o quattro mesi, e sono causa di stress per i genitori, oltre che un fastidio per i bambini.

Cosa sono le coliche?

Generalmente, quando un bambino neonato soffre di coliche, tende a piangere oltre le tre ore al giorno, per più di tre giorni alla settimana. Le coliche gassose non sono una patologia, e non interferiscono nella crescita del neonato, per quanto possano risultare fastidiose e stressanti.

Quando il bambino ha una colica, il suo viso tende a diventare rosso, comincia ad agitarsi, in quanto, il dolore provocato gli causa un allargamento della parete intestinale, che gli causa il passaggio di bolle d’aria. Possono essere causate da fattori ambientali, possibili allergie o intolleranze, all’eccessiva deglutizione dell’aria o, secondo alcune ricerche, da un’alterazione della flora batterica intestinale.

Di solito questo problema si accentua tra la sesta e l’ottava settimana di vita del neonato, peggiorando la sera, ma migliora con l’emissione di aria e feci.

I rimedi per le coliche

L’unica cosa che possono fare i genitori è aiutare il bambino a calmarsi, in questo caso. Si deve cullare il neonato in posa prona sull’avambraccio, o massaggiargli la pancia o la schiena con movimenti delicati e circolari, oppure favorendo l’emissione di aria durante la pausa delle poppate. Alcune volte, il bambino si calma se gli si canta una ninna nanna o gli si fa ascoltare della musica soft, che lo tranquillizzi.

Se i genitori si accorgono che il pianto, nel tempo, diventa sempre più prolungato, dovrebbero contattare il pediatra. Tra i farmaci anti-coliche che può prescrivere, ci sono gli antimeteorici, gli anticolinergici e i probiotici.

La fitoterapia offre diversi rimedi per questo problema, usando dei preparati erboristici, come sciroppi e tisane, formulati con i principi attivi di alcune piante, come il finocchio, la camomilla, l’anice verde e la melissa.

Alcuni genitori ricorrono anche alla massoterapia e la floriterapia, sempre dopo aver ascoltato il parere del dottore.

Cosa non fare

Quando si ha a che fare con le coliche, l’importante è non perdere la calma e non urlare contro il bambino, dicendogli di smettere. In questi casi non è raro che sia la madre stessa a piangere per la frustrazione, ma bisogna comunque restare calmi. L’agitazione potrebbe solo peggiorare la situazione…

Una madre che allatta al seno, deve evitare di assumere caffeina, in quanto potrebbe accentuare il problema delle coliche, e dovrebbe seguire una dieta sana, evitando cibi piccanti, spezie, agrumi e, in caso di intolleranza, latticini. Lo stesso discorso vale per il fumo: se il bambino inala o la madre fuma, non solo potrebbe fare male alla sua salute, ma peggiorare questo problema.

Se si vuole provare qualche genere di medicina fai da te, sarebbe meglio consultare prima il medico, evitando dei rischi per i bambini. Ci sono delle tisane “anti-coliche”, ma devono essere somministrate in una certa misura, se non si vuole ottenere l’effetto opposto.

Un altro consiglio è evitare che il bambino si abitui a utilizzare troppo il ciuccio, in quanto potrebbe causargli dei problemi dentali in futuro.