Meningococco B: tutto quello che c’è da sapere su virus e vaccino

Meningococco-b

Il meningococco B è un particolare tipo di batterio, il Neisseria meningitidis, conosciuto perchè responsabile della meningite. Negli ultimi tempi abbiamo sentito spesso parlare di questo ceppo batterico, perchè solo di recente anche in Italia è stato introdotto il vaccino proprio contro il meningococco B. Molti genitori sono ancora dubbiosi in merito a questa somministrazione, sia perchè appunto di recentissima introduzione sia per le eventuali reazioni avverse che si potrebbero manifestare nel bambino. Oggi l’anti-meningococco B non rientra tra i vaccini obbligatori ma è stato inserito nel calendario vaccinale del Ministero della Salute ed è fortemente raccomandato.

Purtroppo infatti questo batterio può provocare una malattia davvero molto grave, che può esporre il bambino al rischio di ritardo mentale, disturbi di tipo neurologico o addirittura la morte. Per questo motivo vale la pena informarsi a dovere, visto che ne va della salute di nostro figlio e abbiamo il dovere di tutelarlo laddove possibile e sicuro.

Vaccino meningococco B: calendario vaccinale

Vaccino-meningococco-bIl vaccino contro il meningococco B è previsto dal piano vaccinale e anche se non risulta obbligatorio è caldamento raccomandato. La somminsitrazione di tale vaccino è quindi gratuita per tutti i bambini nati a partire dal 2017. Naturalmente possiamo decidere di vaccinare nostro figlio anche se è nato precedentemente: in questo caso però non è detto che sia gratuito e la situazione varia di comune in comune.

Il calendario vaccinale prevede in tutto 4 dosi, così ripartite:

  • Prima somministrazione: tra il 3° e il 4° mese di vita;
  • Seconda somministrazione: tra il 4° e il 5° mese di vita;
  • Terza somministrazione: quando il bambino compie 6 mesi;
  • Quarta somministrazione: quando il bambino compie 13 mesi.

Effetti collaterali e reazioni avverse

Il vaccino contro il meningococco B può provocare le stesse reazioni avverse di altre vaccinazioni, ma non è detto che tutti i bambini le manifestino e in tutti i casi si tratta di effetti collaterali di breve durata. Tra questi troviamo:

  • Febbre;
  • Dolore o gonfiore nella sede di iniezione;
  • Malessere generale e stanchezza;
  • Irritabilità e nervosismo.

Molto raramente potrebbero manifestarsi reazioni più gravi come convulsioni e shock anafilattico, ma si tratta di casi davvero limitati.

Vaccino meningococco B: è sicuro?

Molti genitori si chiedono se questo vaccino possa essere considerato sicuro, ma leggendo nei vari forum possiamo dire che non abbiamo trovato particolari problematiche legate alla sua somministrazione. Può spaventare il fatto che si tratta di un vaccino recente e in molti si chiedono se non sia troppo presto per capire se effettivamente ci si possa fidare o meno nel somministrarlo ad un bambino. Ricordiamo però che prima di essere introdotto in via ufficiale è stato testato e approvato a livello europeo e che quindi questa dovrebbe già essere una conferma della sua sicurezza.

Meningococco B: i rischi della malattia

Il meningococco B è un batterio molto pericoloso, responsabile della meningite da meningococco. Parliamo di una malattia molto seria e pericolosa, che può provocare dei danni irreversibili nel bambino e che in alcuni casi può addirittura portare alla morte. Vale quindi la pena prendere in considerazione l’ipotesi di vaccinare il proprio bambino, per proteggerlo da questo pericolo davvero grande.

Ti potrebbe interessare anche…