Sacco nanna: cose da sapere per scegliere il migliore

Sacco-nanna

Il sacco nanna è una di quelle cose indispensabili per ogni neo mamma: rientra nel classico corredino del neonato ed è utilissimo per diversi motivi. Innanzitutto, grazie a questo vero e proprio sacco possiamo evitare di utilizzare nei primi mesi di vita del bimbo delle copertine che potrebbero risultare pericolose. Se infatti durante il sonno la coperta va davanti alla bocca del piccolo questo rischia di soffocare inavvertitamente: il sacco nanna è quindi una di quelle cose che possono aiutare a prevenire la sindrome della morte improvvisa in culla, tanto temuta dalle mamme. Ma questo utile accessorio può essere utilizzato anche nel passeggino, per fare in modo che il bimbo risulti ben protetto e al caldo.

Insomma: il sacco nanna può rivelarsi spesso indispensabile quindi conviene acquistarlo ancora prima che il bimbo sia venuto al mondo, in modo da averlo a disposizione sin dai suoi primissimi giorni di vita.

A quale età è utile il sacco nanna

Sacco-nanna-miglioreIl sacco nanna, oltre a proteggere il bimbo da eventuali rischi connessi con l’utilizzo della copertina e dal freddo quando si trova nel passeggino è utile anche per altre ragioni. Questo accessorio infatti consente al piccolo di sentirsi protetto e al sicuro, un po’ come quando si trovava nella pancia della mamma: non a caso viene consigliato caldamente per i bambini nati prematuri. Alcuni modelli sono utilizzabili fino a quando il piccolo non compie i 3 anni, ma in verità a quest’età il sacco nanna non è più particolarmente comodo. Conviene utilizzarlo nei primissimi mesi di vita del bimbo e non dopo i 6 mesi, perchè è a questa età che ne possiamo trarre beneficio. Dopo è meglio sostituirlo con una normale copertina, in modo da abituare anche il piccolo a dormire diversamente.

Sacco nanna migliore: quale scegliere?

I sacchi nanna sono oggi disponibili in moltissime varianti, con fantasie simpatiche e in tanti tessuti differenti: da quelli leggeri per l’estate a quelli imbottiti per i mesi più freddi. Il modello migliore e più consigliato dalle mamme è quello con le bretelline che lascia le braccia scoperte, ma se lo dobbiamo utilizzare in inverno conviene acquistarne uno con le maniche che si possono staccare.

Le marche migliori, sia per quanto riguarda la qualità del tessuto che per la fattura, sono la Prenatal, la Kiabi e la Chicco. Esistono però diversi modelli validissimi anche da Ovs ed H&M. L’importante è controllare che il tessuto abbia le caratteristiche necessarie per risultare sicuro per il nostro bambino.

Bestseller No. 1
Tommee Tippee GRO Sacco Nanna Grobag 6-18m, 1.0 Tog, Ollie il Gufo
  • Per una nanna sicura: approvato secondo gli standard britannici bs8510: 2009 e approvato secondo di sicurezza australiani as/nzs 1249: 2014 emendamento 2: 2017
  • Include un termometro per la cameretta in omaggio con taglie da 0-6 e 6-18 mesi e una guida a un sonno più sicuro per gentile concessione di the lullaby trust
  • Funzione zip-click impedisce ai piccoli avventurosi di aprire le proprie cerniere

Come vestire il bimbo sotto al sacco

Molte mamme si chiedono come sia meglio vestire il piccolo sotto al sacco nanna, ma questo dipende dalla temperatura che c’è nell’ambiente. Dobbiamo sempre ricordare che questo accessorio sostituisce in tutto e per tutto la classica copertina e anzi al massimo protegge ancora di più il bambino dal freddo. Conviene quindi vestire il piccolo non troppo pesante per la notte e aggiungere uno strato in più se invece utilizziamo il sacco nel passeggino perchè in questo caso la sua funzione è completamente diversa.

Ti potrebbe interessare anche…