Test di gravidanza: quando farlo e che tipologia scegliere

Test-di-gravidanza

Il test di gravidanza fai da te è ormai diventato sempre più preciso e sono moltissime le donne che ne fanno uso, sperando che la cicogna sia finalmente arrivata. Al giorno d’oggi riuscire a rimanere incinte non è proprio semplicissimo: ci sono donne che ci riescono al primo tentativo ed altre che invece devono avere molta più pazienza. Ricordiamo però che se si sta cercando di avere un bambino e questo non arriva, la cosa peggiore che si possa fare è quella di continuare a pensarci e farsi prendere dall’ansia. Spesso e volentieri sono proprio stress ed emotività a rendere più difficoltoso il concepimento quindi la regola numero uno è sempre quella di stare tranquille.

Utilizzare i test di gravidanza fai da te che si trovano in farmacia non è assolutamente difficile, ma per evitare falsi negativi conviene sempre seguire le istruzioni alla lettera. Bisogna infatti effettuare il test in un preciso momento della giornata e non ci si deve far prendere dalla fretta. Spesso le donne che cercano di rimanere incinte non stanno nella pelle e fanno il test troppo presto: è vero che al giorno d’oggi esistono metodi di misurazione precoci, ma conviene sempre avere un po’ di pazienza per ottenere risultati più precisi ed attendibili.

Test di gravidanza: istruzioni per l’uso

Il test di gravidanza più diffuso che si trova in commercio è quello classico in stick, che rileva la presenza dell’ormone hCG nelle urine. Questo ormone indica chiaramente che è avvenuto l’impianto dell’embrione e quindi se viene identificato nelle urine o nel sangue significa che è avvenuto il concepimento e che si è in dolce attesa. I comuni test di gravidanza sono molto semplici da utilizzare, ma bisogna rispettare alcune regole di base per ottenere dei risultati il più attendibili possibile:

  • Deve essere effettuato al mattino, preferibilmente dopo aver fatto un goccino di pipì. Questo perchè le urine del mattino sono quelle più concentrate;
  • Bisogna mettere lo stick direttamente sotto al flusso dell’urina, per almeno 30 secondi;
  • Una volta terminato il flusso di urina, lo stick va chiuso con l’apposito cappuccio e deve essere posizionato su una superficie orizzontale;
  • Bisogna attendere circa 3-5 minuti (a seconda della tipologia di test di gravidanza) prima di poter visualizzare i risultati.

I test di gravidanza classici hanno due finestrelle: nella prima viene sempre visualizzata una linea rossa e se così non fosse significa che il test è stato effettuato nel modo sbagliato e non si può ritenere valido. La seconda finestra invece rimane vuota in caso di esito negativo oppure presenta una linea rossa in caso di esito positivo.

Test di gravidanza: quando farlo?

Il test di gravidanza fai da te dovrebbe essere effettuato dai 4 ai 7 giorni dopo la data in cui sarebbero dovute arrivare le mestruazioni, ma molti degli stick che si trovano in commercio oggi permettono di avere un risultato precoce. Questo significa che si possono utilizzare fino a 4 giorni prima del giorno in cui sono previste le mestruazioni (è il caso di Clearblue, che si può acquistare anche online). Il rischio di un falso negativo però in questi casi aumenta, quindi se il test dovesse risultare negativo conviene comunque ripeterlo una o due settimane dopo se non arrivano le mestruazioni.